Home » Notizie » info globali

Mostra/Nascondi il menu

info globali

RSS

Il Relatore ONU sulla casa “Meno opportunità abitative per i poveri”

Ginevra (1 Ottobre 2012) – “Opportunità per chi?” ha domandato la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sul Diritto alla casa, Raquel Rolnik, esaminando il tema del Word Habitat Day di quest’anno “Cambiare le città, costruire opportunità”.

Verso un'agenda comune di emigranti ed abitanti

Incontri e coordinamenti nel Rio+20 Parte delle attività di incontro e coordinazione realizzate nel Río+20 sono stati passi verso l'avvicinamento dei movimenti di emigranti e abitanti che condividono problemi ed aspirazioni comuni, nella misura in cui gli emigranti siano anch'essi parte degli abitanti, occupando gli stessi spazi.

Report: How can development actors engage in internal displacement?

IDMC's latest report highlights how internal displacement is not just an humanitarian, human rights or peace-building challenge, but also a development one. There are profound financial implications for people, families and communities affected by internal displacement. By examining the relationships between development action and human rights, this report identifies some key potential areas of intervention by development actors.

GRAIN releases data set with over 400 global land grabs

Today GRAIN is making available a new data set documenting 416 recent, large-scale land grabs by foreign investors for the production of food crops. The cases cover nearly 35 million hectares of land in 66 countries.

Basta con l’accaparramento delle terre. La terra per chi la lavora!

Il 17 aprile è la giornata internazionale delle lotte contadine, che ricorda il massacro di 19 contadini che lottavano per terra e giustizia in Brasile, nel 1996. Ogni anno si celebra questo giorno in tutto il mondo, a difesa dei contadini e delle contadine che lottano per i loro diritti. Denuncia l’accaparramento delle terre! Ovunque tui sia, compila il poster con il nome dei locali accaparratori di terra e inviaci una foto di quello che state facendo come protesta.E-mail: viacampesina@viacampesina.org

The cancer of sub-standard housing is spreading round the world

A slum in Nairobi, Kenia. (Photo: khym54/Flickr/CC) In spite of international commitments, 1,600 million people all over the world are living in deficient housing, and in the developing South 828 million lack adequate water and sanitation services. In the Social Watch Report 2012, experts warn that these problems are aggravated by inequalities between and within countries, privatization, the disappearance of communal property, migration, forced eviction, land speculation and climate change.

Lottiamo e costruiamo in solidarietà la Via Urbana e Comunitaria per abitare bene il nostro pianeta

Buon 2012, è giunta l'ora: dei senza tetto, mal alloggiati e sfrattati, di essere capaci di opporsi e vincere contro i colpi di frusta del neoliberismo, grazie alla solidarietà e alle lotte di resistenza e di alternativa ... (----> Continua nel 2013!)

2012 Housing Europe Review

The CECODHAS Housing Europe Observatory has carried out a second review of the social, co-operative and public housing sectors in the 27 EU member states, the first one having been completed in 2007.

Indignati per il diritto alla casa!

Non a caso numerose iniziative globali convergono in questo ottobre caldo: tra le altre, la Settimana globale di azione contro il debito e le istituzioni finanziarie internazionali, il Grido degli Esclusi e, giustamente, la tappa del 15, uniti per un cambiamento globale. Come del resto non è un caso che, nello stesso momento e in tutti i continenti, per la prima volta le organizzazioni e le reti di abitanti sono mobilitate all'unisono per le Giornate Mondiali per il Diritto all'Abitare.

Week of Global Action Against Debt and IFIs

Break the chains of debt! The system of debt continues to devastate the lives of people around the world. People in the South face the daily impacts and consequences of the financial indebtedness of their countries, which far from having been "relieved" is growing in step with the crisis and the pursuit of extraordinary profits by the most concentrated forms of capital. They continue also to bear the burden of the unpaid historical, social, ecological, and climate debts which are increasing as well to the rhythm of false solutions to the global crisis.