Home » Notizie » Abitanti d'Europa

Mostra/Nascondi il menu

Abitanti d'Europa

RSS

Budapest : manifestazione contro gli sfratti razzisti

Organizzata dalla Fondazione per i Diritti Civili dei Rom, il 9 dicembre, a Budapest, si è svolta una manifestazione contro gli sfratti, la segregazione e il razzismo. Oltre alle famiglie Rom del cosiddetto “dzsumbuj” del nono distretto di Budapest, vittime dirette degli sgomberi forzati, hanno partecipato all’evento anche ungheresi non appartenenti alla popolazione Rom.

Battaglie di quartiere contro la speculazione immobiliare nelle vie di Mosca

Durante tutta l’estate 2007, la capitale russa è stata teatro di lotte in almeno una quindicina di quartieri.

Rapporto sulla Piattaforma per un alloggio dingitoso in Spagna

La PVD (Plataforma por una Vivienda Digna) nasce circa 4 anni fa a Madrid per dare risposta alle rivendicazioni di diversi collettivi, associazioni di condomini e privati sulle condizioni sempre più difficili per ottenere un alloggio.

Il movimento per gli alloggi in Russia

Un anno fa, il primo gennaio 2006, entrava in vigore il nuovo codice degli alloggi della Federazione Russa; cosa ne è stato, un anno dopo, del diritto all'alloggio e delle lotte per il rispetto di questo diritto?

Russia: Appello alla solidarietà internazionale con i “truffati delle piramidi immobiliari” in sciopero della fame

200.000 persone vittime di loschi operatori immobiliari in tutta la Russia Il 17 aprile 2007 è iniziato a Mosca lo sciopero della fame dei cosiddetti “truffati delle piramidi immobiliari”.

Russia: Putin non può continuare ad ignorare la marea crescente della solidarietà

Primi blocchi stradali e un decesso tra i «co-investitori truffati» in sciopero della fame. Ricordiamo che questo movimento accomuna decine di migliaia di persone, provenienti da ogni parte della Russia, che hanno partecipato a delle quote o a dei fondi d’investimento nella costruzione di alloggi, per i quali i poteri locali o regionali si sono fatti garanti. Decine di migliaia di persone che in seguito alla chiusura dei cantieri si ritrovano senza più risorse e senza dimora. Alla vigilia dello sciopero della fame, cominciato a Mosca il 17 aprile e protrattosi fino all’8 maggio, l’IAI aveva lanciato un appello alla solidarietà internazionale. In tutto, una cinquantina di persone provenienti da diverse regioni della Russia, tra cui 6 persone che hanno risposto a tale appello per 22 giorni.